Contattaci: +39 348 9016893 | +39 039 9211169
massimo.bianchessi@tin.it | maxbia56@gmail.com
Skype: maxbia56

Fitoterapia

L’uomo primitivo cercò i rimedi al male in modo naturalmente istintivo, imparando a curarsi osservando gli animali.

La storia conosciuta dell’utilizzo delle piante come medicinali, risale ancora una volta all’epoca degli Egizi, duemila anni prima di Cristo; tuttavia è abbastanza intuitivo pensare che la conoscenza empirica dell’uso di erbe o parti di piante per curarsi possa risalire sicuramente a moltissimo tempo prima, rendendo l’origine della Fitoterapia addirittura non databile. L’uomo o la donna che per primi hanno utilizzato un’erba per lenire una ferita o un morso di un animale, hanno utilizzato la Fitoterapia che quindi ha le stesse origini della razza umana. Non è da escludere che l’uomo abbia utilizzato le erbe per curarsi grazie ad un istinto derivato dalle memorie risalenti alle specie originarie della sua evoluzione: le scimmie. Non c’è dubbio che ancora oggi le popolazioni tribali che ancora vivono immersi nella natura selvaggia delle aree sconosciute del mondo conoscano meglio di noi i segreti delle specie vegetali che popolano l’ambiente naturale dove essi vivono e molto spesso ancora oggi ricaviamo informazioni a noi utili proprio grazie alle loro conoscenze delle piante. I popoli che hanno sviluppato conoscenze tecnologiche, i popoli delle nazioni industrializzate del mondo “del benessere occidentale” hanno perso l’istinto che conduce alla conoscenza delle proprietà delle erbe e piante ma grazie alle capacità tecnologiche e analitico scientifiche riescono a far fronte a questa necessità.

La Fitoterapia oggi è una pratica medica naturale che si occupa di alleviare i sintomi e i disturbi dell’uomo; le proprietà curative delle piante e delle erbe tuttavia non svolgono un ruolo superiore a quello che possono fare i “farmaci” di sintesi, almeno dal punto di vista concettuale. La cura dei sintomi non corrisponde, infatti, all’eliminazione della “malattia” che ben si distingue dal concetto di sintomo: Il sintomo, infatti, è un segnale della malattia, del disagio o disequilibrio organico che deriva da cause spesso molto lontane e poco conosciute alla Medicina Allopatica. La Medicina Naturale, infatti, utilizza la Fitoterapia che può essere considerata una branca della Farmacologia che utilizza prodotti naturali anziché prodotti di sintesi. I vantaggi nell’uso delle Piante Officinali sono certamente ascrivibili alla vicinanza di questi ultimi alla capacità della natura di renderle più vicine alla natura stessa dell’essere umano; le sinergie esistenti tra i componenti presenti in una pianta costituiscono sicuramente un vantaggio rispetto all’unico principio attivo, che spesso non ha più nulla di naturale, presente in un farmaco. Resta valido tuttavia il concetto che anche la Fitoterapia può essere utilizzata vantaggiosamente per alleviare i sintomi e i disturbi, stimolare i processi di guarigione di particolari sintomatologie che restano comunque un “segnale” di una causa più profonda che possiamo identificare nella “malattia”.

La Fitoterapia è utilizzata anche in Naturopatia con lo scopo di alleviare il disturbo arrecato da sintomatologie di vario tipo, ma questo viene fatto in attesa di conoscere la vera causa del disturbo, soddisfacendo così uno dei principi fondamentali della Naturopatia che è il “Causalismo”: andare alla radice profonda del disturbo e determinare la guarigione eliminando le vere cause.

L’uso delle piante a scopo curativo è sempre stato parte della Medicina Popolare che, in un certo senso, costituisce anche le radici della Naturopatia che è molto più vicina alla natura umana di quanto non lo sia la Medicina Allopatica.

Anche se dopo aver letto quanto descritto sinora può sembrare che non sia interessato agli effetti delle pratiche che utilizzano le attività terapeutiche delle piante, io sono d’accordo con l’uso di questa Medicina, ma solo come percorso temporaneo in attesa della risoluzione definitiva delle vere cause che hanno determinato i sintomi: io sono un Naturopata, quindi prediligo il Causalismo utilizzando la Fitoterapia come strumento di sollievo temporaneo quando risulta necessario.

Sono affascinato dalle straordinarie proprietà delle piante e delle erbe e mi riprometto di farvele conoscere per aiutarvi a utilizzare al meglio le loro preziose proprietà senza, con questo, farle diventare una dipendenza.


Chi sono

Chi sono

La mia storia

Sono nato a Milano il 22 luglio 1956, ho vissuto e studiato a Milano fino al conseguimento della Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche con il massimo dei voti.

Approfondisci

Corsi privati e aziendali

Corsi privati e aziendali

Imparare a sentirsi e percepirsi.

Il coaching e la formazione diventano un’attività fondamentale: a casa, a privati e anche alle aziende, Massimo Bianchessi organizza corsi e supporto diretto.

Approfondisci

Maggiori informazioni

Maggiori informazioni

Scopri di più.

Contattaci per maggiori informazioni mandandoci una mail oppure al numero +39 348 9016893 o +39  0399 211169.

Approfondisci